17/01/2014 - La cantina vitivinicola si allarga «Nessun impatto sul territorio»

A Provaglio d´Iseo c´è chi, nonostante la crisi, investe e crede nel futuro. Il comparto interessato è quello vitivinicolo, oggetto della recente delibera del consiglio comunale che ha approvato l´adozione della variante al piano di recupero e la ristrutturazione dei volumi esistenti di una cantina vitivinicola interrata, di depositi e porticati fuori terra in località Tesa e Redigolo relativi all´´azienda Agricola Chiara Ziliani.Il piano d´opera ha visto d´accordo i dieci consiglieri di maggioranza, mentre si sono astenuti i cinque di minoranza. Luigi Bianchi della Lega Nord, ha chiesto chiarimenti sulla superficie oggetto dell´intervento. «Tenendo conto delle caratteristiche ambientali del luogo - ha sostenuto l´esponente del Carroccio - l´intervento sembra sproporzionato».Il sindaco Giuseppina Martinelli ha però replicato, sostenendo che «analizzando il progetto si può verificare che si tratta di soluzioni interrate, che quindi non hanno un impatto sul territorio. La Commissione ambientale - ha aggiunto il primo cittadino - non ha espresso osservazioni contrarie. Anche l´Amministrazione comunale, dunque, ritiene positiva la soluzione».Entrando nel merito, il piano d´opera sarà realizzato in due comparti. In località Tesa si prevede la realizzazione di un portico-deposito enologico fuori terra di 270 mq, la demolizione e la ricostruzione della cascina Tesa esistente, con il mantenimento della stessa superficie coperta e dell´altezza fuori terra, con formazione di una cantina interrata e la realizzazione di un portico esterno al piano terra. L´immobile sarà a destinazione commerciale-direzionale, legato all´attività agricola, mentre il primo piano sarà adibito ad abitazione.In località Redigolo è invece prevista la realizzazione di 3.000 mq di cantina completamente interrata e 2.475 mq di seminterrato. F.SCO.

Fonte: 
Bresciaoggi