Procedimenti Pubblica Istruzione

Art. 3 L.R. n.° 31 /80 “I Comuni singoli o associati organizzano servizi speciali di trasporto scolastico o assicurano l’accesso degli studenti ai servizi ordinari mediante tariffe differenziate o altre agevolazioni, in modo da garantire e razionalizzare le frequenze scolastica in ogni parte del territorio regionale.” L’Amministrazione Comunale garantisce il trasporto per l’anno scolastico 2016/2017 provvedendo alla pianificazione dei percorsi e delle relative fermate. I percorsi sono finalizzati alla riuscita ottimale del servizio, in base alla distanza della scuola ed agli orari di entrata e di uscita.
Con determinazione n.° 204 del 11.08.2015 si è provveduto all’aggiudicazione della gara d’appalto per la gestione del servizio di trasporto scolastico alla Società Autonoleggio Castello dei F.lli Ghirardi e C S.n.c, di Passirano per il periodo 1.09.2015-30.06.2018.
L’assistenza e la sicurezza degli alunni trasportati è garantita dal personale della ditta incaricata coadiuvato da volontari. Gli alunni che usufruiscono del servizio sono muniti di tessera di riconoscimento.
Le famiglie partecipano alla spesa versando una quota indipendentemente dai giorni di frequenza; la domanda di utilizzo costituisce la base per la pianificazione di detto servizio quindi assimilabile ad un abbonamento. Sono comunque accettate, compatibilmente con le esigenze logistiche del servizio, iscrizioni temporanee.
Per l’anno scolastico 2016/2017 le tariffe sono state determinate dalla Giunta Comunale con deliberazione n.° 27 del 01.03.2016 secondo lo schema di seguito riportato:
 

Servizio trasporto

Quota annua

 

280,00

 

Servizio trasporto

 

Quota annua ridotta* - **

 

210,00

Servizio trasporto

Quota annua

ridotta ***

170,00

Servizio trasporto per il figlio successivo al secondo dello stesso nucleo familiare che beneficia del servizio per i primi due figli

ESENZIONE

 

*per gli studenti provenienti da Provezze e Fantecolo e per gli alunni di Provaglio d’Iseo frequentanti la scuola dell’infanzia Statale di Provezze;

** per il secondo figlio utente residente a Provaglio d’Iseo e frequentante le scuole di Provaglio d’Iseo;

*** per il secondo figlio utente delle famiglie rientranti in *;

Per gli alunni in situazione di handicap si applica la gratuità del servizio.

Il Comune di Provaglio attraverso il servizio di assistenza prescolastica intende favorire la frequenza alle scuole primarie e dell’infanzia statali da parte degli alunni i cui genitori hanno orari di lavoro non conciliabili con quelli dell’inizio delle lezioni scolastiche.
Il servizio funziona nei giorni di apertura della scuola dalle ore 7.30 all’inizio delle lezioni. Per lo svolgimento del servizio il Comune si avvale di locali messi a disposizione dalla scuola.
Per la sorveglianza degli alunni è impiegato personale già incaricato dell’assistenza educativa agli alunni disabili e personale scolastico non docente, opportunamente coordinati dalla responsabile del servizio istruzione e dal dirigente scolastico.
Possono richiedere il servizio tutti gli alunni iscritti alle scuole primarie e dell’infanzia statali. I genitori degli alunni interessati hanno presentato apposita domanda redatta su modulistica messa a disposizione dall’ufficio istruzione del Comune.
Qualora gli utenti durante il corso dell’anno scolastico non vogliano più avvalersi del servizio devono presentare rinuncia scritta.
Trattandosi di un servizio strutturato le famiglie sono chiamate a concorrere al costo dello stesso
Nella scuola moderna la domanda di educazione può essere soddisfatta quando la famiglia, l’istituzione scolastica e le altre realtà formative cooperano costruttivamente fra loro in un rapporto di integrazione e di continuità. Tale continuità educativa consiste nel collegamento tra le varie esperienze che ciascun bambino vive nell’arco del suo sviluppo. Si tratta di una prospettiva che tende a valorizzare tutti gli aspetti della vita quotidiana dell’alunno: essi vanno considerati come un campo amplissimo di possibili esperienze, potenzialmente ricco di stimoli e di occasioni e con un grande valore pedagogico sia sul piano cognitivo sia su quello affettivo e relazionale.
È in questo contesto che si intende sviluppare il Progetto sperimentale di attività post scolastiche presso il Campus dell’Infanzia di Provezze il mercoledì, giorno in cui le lezioni per gli alunni della scuola primaria terminano alle ore 12.30.
Per l’attuazione del progetto, sono state individuate, con l’ausilio dei Gruppi e delle Associazioni operanti sul territorio, alcune aree educative o gruppi di discipline ( arte, musica, teatro, attività manuale, scienza e natura, sport ) che, per la loro struttura interna e attraverso una mirata articolazione didattica, possono alimentare la curiosità innata del bambino e stimolare la sua motivazione a conoscere.
Le discipline scelte daranno origine a diversi Laboratori Educativi la cui impostazione didattica, valorizza l’alunno come soggetto attivo e attore protagonista del processo educativo.
Sarà possibile usufruire del servizio mensa scolastica e le attività sono programmate dalle ore 14.00 alle ore 16.30.
Trattandosi di un servizio strutturato le famiglie sono chiamate a concorrere al costo dello stesso.

La mensa scolastica è un servizio a richiesta, garantito nei refettori comunali delle scuole statali dell’infanzia e primarie, nei giorni in cui è previsto il rientro pomeridiano, in base al calendario scolastico. Scopo primario del servizio è agevolare la frequenza scolastica delle alunne e degli alunni, educandoli a corretti comportamenti alimentari. La Commissione Mensa, composta da genitori degli utenti del servizio di mensa scolastica, uno per ciascun plesso scolastico sede di refezione, e da rappresentanti dei docenti proposti dal Consiglio d’Istituto, collabora con l’Amministrazione comunale al fine di contribuire al miglioramento della qualità del servizio offerto.

I pasti nelle scuole sono erogati dalla CAMST Soc. Coop. a r.l. assegnataria dei servizi di ristorazione comunali. La Ditta si occupa della preparazione dei pasti prodotti in un Centro unico di cottura situato all’interno del Campus per l’Infanzia di Provezze, del loro trasporto nelle scuole, della distribuzione nelle mense, della pulizia dei refettori. I menu, elaborati in collaborazione con i dietisti della Ditta fornitrice dei pasti sono validati nel rispetto degli standard raccomandati dalle Linee Guida della Regione Lombardia per la ristorazione scolastica.
Sono fornite diete differenziate, per motivi di salute o motivazioni religiose. Le diete per motivi di salute (allergie, intolleranze, ecc.), sono garantite in caso di necessità comprovata da certificazione rilasciata da un medico specialista o da un’azienda sanitaria pubblica.
Nell’anno scolastico 2016/2017 si prevede che usufruiranno del servizio 60 bambini frequentanti la scuola dell’infanzia, 275 la scuola primaria e 47 la scuola secondaria.
Il personale educativo presente alla refezione sarà costituito oltre che dagli insegnanti titolari anche da personale ATA. A questi ultimi compete:
  • la rilevazione giornaliera delle presenze in mensa;
  • la comunicazione giornaliera al personale del servizio di refezione scolastica del numero e della tipologia dei pasti necessari, secondo le modalità organizzative concordate con l’Amministrazione Comunale; 
  • l’ordinaria vigilanza e l’assistenza agli alunni durante la consumazione del pasto;
  • la trasmissione, all’ufficio pubblica istruzione del Comune, dei prospetti mensili delle presenze in mensa;
  • vendita blocchetti mensa
  • predisposizione del refettorio con preparazione dei tavoli per i pasti
  • pulizia e riordino dei tavoli
L’ufficio comunale competente si impegna
  • a verificare costantemente la qualità delle forniture operate dalle varie ditte attraverso controlli costanti;
  • a mantenere con i responsabili rapporti continui al fine di migliorare la qualità ed il livello di gradimento dei menu proposti nelle varie mense; 
  • a favorire la fruizione del servizio da parte della totalità dell'utenza;
  • a mantenere la gratuità dei pasti per tutti i docenti in servizio durante l'orario scolastico del tempo mensa; (Il consumo dei pasti da parte del personale docente è regolato, soprattutto ai fini del diritto alla gratuità o meno del servizio, dal D.I. del 16 maggio 1996, pubblicato sulla G.U. n.° 224 del 24 settembre 1996 (successivamente ripreso dall’art. 46 del C.C.N.L. comparto scuola e dall’art. 39 del C.C.N.I. comparto scuola).
Gli utenti del servizio partecipano al costo con tariffe commisurate al reddito familiare ISEE. Per l’accesso alle agevolazioni previste per le famiglie degli alunni interessate hanno presentato la dichiarazione sostitutiva delle condizioni economiche del nucleo familiare. Tutti coloro che non l’hanno fatto o che sono in possesso di un reddito ISEE superiore a € 12.395,00 sono stati collocati automaticamente nella fascia più alta di contribuzione.
Al raggiungimento del numero massimo di frequentanti (100 per la Scuola Primaria di Provezze e 200 per la Scuola Primaria di Provaglio), l’accesso al servizio avverrà secondo i criteri di accettazione stabiliti dalla commissione mensa e cioè:
  • Entrambi i genitori lavoratori
  • Distanza dell’abitazione dalla scuola ed eventuale utilizzo del pullman;
  • Frequenza settimanale completa (quattro giorni la settimana);
Si prevede la possibilità della riduzione del 50% della tariffa per ogni figlio utente oltre al primo per il servizio mensa e per la retta di frequenza alla scuola dell’infanzia “C. Collodi” di Provezze.

Pagine