Procedimenti ufficio Stato Civile

Certifica il relativo stato e viene rilasciato a chiunque ne faccia richiesta.
Per ottenere il rilascio di detto certificato è necessario che il matrimonio sia stato celebrato a Provaglio d'Iseo o, al tempo dell'evento, uno degli sposi doveva essere residente a Provaglio d'Iseo.

  • Decesso in abitazione (per cause naturali)

La dichiarazione di morte deve essere effettuata entro ventiquattrore dal decesso da uno dei congiunti o da persona già convivente con il soggetto ora defunto o da un loro delegato o, in mancanza, da persona informata del decesso.
Chiunque si presenti per dichiarare la morte di una persona, deve essere munito della scheda ISTAT rilasciata dal medico che ha assistito la persona defunta. Quando la persona sia deceduta senza assistenza medica, la scheda ISTAT deve essere compilata dal medico necroscopo. In caso di mancata assistenza medica, l'ufficiale dello stato civile procede ad avvisare il medico necroscopo per la visita di accertamento. La salma rimane di norma presso l'abitazione fino al funerale ad eccezione dei casi, certificati dal medico curante, di abitazioni inadatte e/o quando sussistano motivi igienico-ambientali per i quali si rende necessario il trasporto al Deposito di osservazione delle salme.
La visita del medico necroscopo e la vestizione, in questo caso, vengono effettuate presso l'obitorio.

  • Decesso in Casa di Cura

Le modalità sono le stesse dei decessi in abitazione (cause naturali) salvo le seguenti eccezioni:
- per medico curante è da intendersi il medico incaricato della Casa di Cura.
- la salma rimane (tendenzialmente) fino al funerale presso la Casa di Cura,salvo problemi igienico-sanitari, nel qual caso viene condotta al Deposito Osservazione Salme.

  • Decesso in Ospedale

Alla verifica della causa del decesso, alla denuncia di morte e alle relative certificazioni provvede direttamente l'Amministrazione Ospedaliera.
Gli interessati devono, non appena possibile, rivolgersi a una Agenzia o Ditta di Onoranze funebri autorizzata per predisporre il funerale
La salma rimane di norma presso la Camera Mortuaria dell'Ospedale fino al funerale.

  • Decesso per morte violenta o accidentale o in luogo pubblico

E' necessario avvertire tempestivamente il 112 (Carabinieri) o il 113 (Polizia di Stato), che provvederanno all'invio dell'ambulanza 118 per il trasporto della salma al Deposito di Osservazione.
I familiari o chi per essi posso provvedere al funerali una volta espletati tutti gli obblighi di legge (es: autopsia).

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Decreto del Presidente della Repubblica del 03.11.2000, n. 396
- Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile

Decreto del Presidente della Repubblica del 10.9.1990, n. 285:
- Regolamento di polizia mortuaria

Deliberazione commissariale n.1139 del 12.10.1939:
- Regolamento comunale d'igiene

Deliberazione del Consiglio Comunale n.° 37 del 12.2.1996:
- Regolamento di Polizia Mortuaria Locale

Il cittadino che desidera contrarre matrimonio può farlo in qualsiasi Comune Italiano.

Il matrimonio civile, quello canonico con effetti civili (concordatario) e quello acattolico, devono essere preceduti dalla pubblicazione di matrimonio.

La richiesta delle pubblicazioni del matrimonio deve essere fatta dai futuri sposi ovvero da persona che ne ha avuto speciale incarico all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di attuale residenza di uno degli sposi e ciò vale anche per gli stranieri residenti in Italia.

Quando si tratta di matrimonio concordatario, la richiesta delle pubblicazioni oltrecchè dagli sposi (o loro mandatario) deve essere fatta anche dal parroco davanti al quale il matrimonio sarà celebrato.

Ricevuta la richiesta della pubblicazione, l'Ufficiale dello Stato Civile redige processo verbale che sarà firmato dallo stesso e dai futuri sposi (o loro mandatario).

Tutti i documenti sono acquisiti d'ufficio, i futuri sposi dovranno solo consegnare all'Ufficiale dello Stato Civile n. 2 marche da bollo di Euro 14,62, se residenti entrambi nel Comune, N. 3 marche se residenti in Comuni diversi.

Le pubblicazioni hanno validità 180 giorni.

La richiesta di cittadinanza italiana va fatta alla Prefettura del luogo di residenza, essa è regolata dalla legge 5 febbraio 1992, n. 91.
Numerosi sono i casi per cui può essere richiesta, i più frequenti comunque sono:

  • per matrimonio con cittadino/a italiano/a. Il cittadino straniero che sposa un cittadino italiano ottiene la cittadinanza se risiede in Italia da almeno 6 mesi, se risiede all'estero ed è sposato da almeno tre anni.
  • per concessione, secondo le modalità indicate d'ufficio, dopo 10 anni di residenza;
  • per beneficio di legge: se il cittadino straniero ha un genitore o un parente di secondo grado italiano per nascita - se è nato in Italia da genitori stranieri qui residenti da almeno 10 anni e vi rimane fino al compimento del diciottesimo anno d'età.

La regola generale è quella che consente allo straniero di richiedere la cittadinanza dopo dieci anni di residenza nello Stato, visti però i numerosi casi per i quali viene richiesto un periodo di residenza inferiore è opportuno richiedere tutte le informazioni all'ufficio di stato civile del Comune.

SALA DELLA GIUNTA COMUNALE

  • Per i nubendi di cui almeno uno residente in Provaglio d'Iseo

    Matrimonio celebrato durante l'orario di servizio: € 200,00
    Matrimonio celebrato fuori dall'orario di servizio in giorno feriale: € 200,00
    Matrimonio celebrato fuori dall'orario di servizio in giorno festivo: € 300,00

 

  • Per i nubendi non residenti:

    Matrimonio celebrato durante l'orario di servizio: € 300,00
    Matrimonio celebrato fuori dall'orario di servizio in giorno feriale: € 300,00
    Matrimonio celebrato fuori dall'orario di servizio in giorno festivo: € 400,00

MONASTERO DI SAN PIETRO IN LAMOSA - SALA DELLA DISCIPLINA, AUDITORIUM, COLOMBAIA

  • Per i nubendi di cui almeno uno residente in Provaglio d'Iseo

    Matrimonio celebrato fuori e durante l'orario di servizio in giorno feriale e festivo: € 400,00
     
  • Per i nubendi non residenti

    Matrimonio celebrato fuori e durante l'orario di servizio in giorno feriale e festivo: € 800,00
     

A titolo di deposito dovrà essere prestata una cauzione pari a € 200,00 che verrà restituita nel caso in cui verrà rispettato il decoro delle sale e degli spazi adiacenti ( ex. evitando di gettare il riso e/o pasta e/o coriandoli.